ER CORE PURO

(pubblicata in Viaggi di Versi 17)

C’aveva un vecchio amico, veramente,
che je se prese tutto, tutte le gioje,
dall’anima ar core, e puro la moje.
E lui piagneva, ma nun disse gnente.

Intorno a lui na carca indipennente
de farsi angeli e amici proclamati
che se ‘nfamavano libberamente.
“Basta de pjà li carci da st’ingrati!”.

Ormai sa quello che l’omini vonno
e quinni arisponne a sti disgrazziati:
“la felicità è dell’antro monno!”.

Nun so indove sta l’amico vero,
quarcuno onesto esiste, nun lo nego,
per cui campo bene e cor core puro.

colosseo

FABRIZIO CELLI, ROMA 12/02/2011

torna indietro


Comments