Er monno de nessuno

Devi sapè: er giorno ch’ho capito
er modo in cui annaveno le cose
nun ero soddisfatto, ero stupito
de come l’omo, puro senza scuse,

uccide, offenne e segna le frontiere.
A chi appartiene er monno? Senti bene:
er monno è de nessuno, ma è ‘n dovere
de sostenesse specie nelle pene.

Da quanno che nun so più regazzetto
ho visto guere e lotte de baroni,
tratte de schiavi e morti senza tetto.

La scola me parlava der passato,
così che tra crociate e inquisizioni
nun era ciò che m’ero figurato.

FABRIZIO CELLI, ROMA 11 SETTEMBRE 2015

torna indietro


Comments